Stage  a Strasburgo

Un’esperienza unica ed emozionante

a cura della 1a C1  – 

Noi, studentesse e studenti della classe  1a C1  del Liceo Classico Internazionale dell’Istituto Telesi@, dal 20 al 22 Novembre, abbiamo preso parte ad uno stage linguistico che si è svolto a Strasburgo. La tappa principale del viaggio è stata la visita al Parlamento Europeo, durante la quale abbiamo vissuto l’emozione di poter visitare una delle strutture più importanti per l’Unione Europea. Appena arrivati siamo rimasti meravigliati dalla maestosità dell’ edificio, di forma circolare e con la facciata esterna composta interamente di ferro e vetro. In seguito siamo entrati all’interno della struttura, dove si apriva un’immensa Agorà circondata da porticati che permettevano l’ingresso al palazzo, dentro il quale abbiamo incontrato la nostra guida che ci ha condotti nella sala multimediale; Q qui abbiamo visionato un filmato sull’Unione Europea in lingua francese. Successivamente siamo entrati nella Sala Delle Riunioni dove si svolgono le sedute del Parlamento, un’aula immensa che ospita ben 873 posti a sedere, di cui 751 riservati ai deputati rappresentanti delle ventotto diverse nazioni. Le sedute si svolgono in tutte le ventiquattro lingue ufficiali e vengono comprese da tutti per mezzo di diversi interpreti, inoltre ognuno può esprimersi nella lingua che preferisce. Quel giorno sfortunatamente non vi erano riunioni, ma il giorno seguente si è tenuta la riunione della Corte europea dei diritti dell’uomo sul “caso Berlusconi”. La sala  della riunione plenaria è occupata dal Parlamento una settimana al mese, durante le altre tre questa istituzione si riunisce nella sede a Bruxelles. La visita è terminata così, con un’emozione generale manifestata dall’intera classe.
Nel pomeriggio abbiamo svolto una visita guidata dell’intera città, che ci ha permesso di visitare le zone più importanti. Abbiamo incontrato la guida in Place de La Republique con il suo monumento ai caduti, molto simile alla pietà Italiana, rappresentante una madre che regge i suoi due figli morti: uno rivolto verso la Francia, la nazione per cui aveva perso la vita, l’altro rivolto verso la Germania, terra per cui aveva combattuto. In seguito ci siamo recati presso la cattedrale di Notre Dame, ovvero Nostra Signora, la Madonna, di cui abbiamo visto gli interni, arricchiti da vetrate colorate e l’ orologio astronomico, di cui abbiamo visto anche il movimento alle 16. Per arrivare alla Cattedrale siamo passati per diversi vicoletti caratteristici della città, con le loro case in legno, già decorati per il periodo natalizio e dove si stavano preparando i Mercatini di Natale, tipici del posto. Alla fine della visita siamo andati in piazza Gutenberg dove stavano allestendo il mercatino che si svolge annualmente e che ogni anno ospita una nazione diversa, quest’anno toccherà all’Islanda. Questo è stato il nostro viaggio, un’esperienza unica, che sicuramente ci ha arricchiti culturalmente e moralmente.