Il mondo è un libro, e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina.

di Salvatore Cutillo e Federica Iannucci – 3ªC1 –

Il mondo è un libro, e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina.“: così scriveva Sant’Agostino. Viaggiare aiuta conoscere non solo ciò che ti sta intorno ma in ogni luogo ogni persona trova una parte di se stesso da condividere insieme agli altri.
Il 7 Aprile le classi 3ªC1 e 2 ªC1 sono partite per lo stage di PTCO a Londra.
Quando si parte si vivono due emozioni contrastanti: la nostalgia di casa e la voglia di partire. Giunti in aeroporto la seconda vince sulla prima e si avverte nitido l’inizio di una nuova avventura.
Le stesse sensazioni le abbiamo provate noi giunti all’aeroporto di Napoli pronti per il nuovo viaggio tutti insieme. All’aeroporto di Luton London siamo stati accolti dal grigiore del cielo inglese. Le sensazioni negative crescevano nella mancanza del sole però poi, dopo esserci sistemati nelle stanze e arrivati in centro, siamo stati accolti dalla scarica di energia e adrenalina che solo pochi posti ti riescono a trasmettere.
Nelle affollatissime Oxford Street e Regent Street abbiamo capito la grandezza e allo stesso tempo il fascino di questa città. Il giorno seguente abbiamo cominciato la nostra Work experience con le nostre guide, divisi in due gruppi, e abbiamo visto monumenti celebri come Buckingham palace, la residenza della famiglia reale inglese, Westmister Abbey,  la chiesa più famosa di Londra dove vengono incoronati i re e le regine inglesi. Il nostro tour giornaliero si è fermato a Trafalgar Square. Nel pomeriggio abbiamo visitato la National Gallery dove abbiamo potuto ammirare quadri famosissimi di artisti come Leonardo, Michelangelo, Van Gogh e tanti altri.
Siamo solo all’inizio del nostro ‘libro’ ma la voglia di continuarlo è ancora tanta.