In the middle of a pandemic

di Alessia Calzone – Connecticut U.S.A. – 4ªL₂ Liceo Linguistico a.s. 2019-2020 –

Live a life you will remember! Vivi una vita che ti faccia emozionare, una di quelle da poter raccontare ai tuoi nipoti, una vita piena di avventure ed emozioni. Il mio sogno di una vita indimenticabile è iniziato il 12 Agosto 2019. Quella mattina salutati i miei genitori, ho preso un aereo di 8 ore per gli Stati Uniti. Sono arrivata nello stato del Connecticut dopo essere atterrata all’aeroporto JFK, situato vicino New York in uno degli stati più piccoli degli Stati Uniti. Qui ho avuto la possibilità di sperimentare un sacco di cose nuove che non avrei mai potuto provare nel mio piccolo paesino in Italia. Per quasi un anno ho vissuto con mia zia e la sua famiglia. Le prime settimane in America sono state come vivere in un film. Avevo immaginato le case non più di mattoni, le miriadi di possibili scelte di fast food, le macchine giganti, e devo ammettere che ognuna di queste cose era esattamente identiche a come le avevo immaginate. Avevo sognato questo momento sin da quando ero piccola e per la prima volta ho realizzato che questo non era solo una scena del mio film preferito. Ricordo ancora la prima volta che ho visto il mio liceo: il campo da football e la scuola erano enormi! Il primo giorno di scuola è stato il più bello e terrificante della mia vita. Mi hanno assegnato una guida che mi avrebbe portato in ogni classe. Le settimane passavano e la mia esperienza qui si faceva sempre più interessante. Ho fatto così tanto: perso l’autobus, fatto tardi a lezione, aspettato in fila per prendere il pranzo, ho partecipato ad attività scolastiche e parlato davanti alla classe per un progetto scolastico. Di certo non è stato l’anno che mi aspettavo perché purtroppo l’ultimo giorno di scuola è stato il 12 marzo 2020. Quel giorno è stato l’ultimo in cui ho potuto camminare per i corridoi, l’ultima volta che ho perso l’autobus giallo. Ammetto che non sono stati i mesi più felici della mia vita. Ho fatto così tanto eppure ho perso gli ultimi tre mesi che sarebbero stati i più belli. Il 12 giugno 2020 è stato uno dei giorni più nostalgici di quest’anno. Graduation day è stato sicuramente diverso dagli anni precedenti: la cerimonia si è tenuta all’aperto in stile drive-in. Una volta indossata la tunica e il tipico cappello abbiamo assistito ai discorsi, hanno chiamato il mio nome (ovviamente in modo sbagliato) e ho ricevuto il diploma. In quel momento ho finalmente girato il “tassel” verso il lato sinistro del cappello! Quel giorno è stato l’ultimo in cui ho potuto vedere alcuni amici di scuola. Sono volate le settimane e ormai solo pochi giorni mi restano da vivere nel posto in cui ho conosciuto alcune delle persone che rimarranno in maniera indelebile nel mio cuore.

A pochi giorni dalla partenza realizzo che è stato un battito di ciglia e che forse non mi capiterà di nuovo aprire un armadietto e dimenticarmi la combinazione, o di studiare materie scolastiche che non pensavo mi sarebbero piaciute, forse non mi capiterà mai più di travestirmi o indossare i colori della scuola per mostrare spirito scolastico. Consiglierei questa esperienza a tutti, però, perché mi ha fatto sentire completa ed è come se la mia vita avesse acquisito qualcosa in più che non tutti hanno e possono avere. Quei ricordi che avrai raccolto durante l’anno all’estero serviranno alla tua crescita personale come nessun altra cosa nella tua vita.

Pomperaug High School panthers rimarrà per sempre uno dei momenti più felici della mia vita ed auguro a tutti di vivere la stessa esperienza perché è stato esattamente come High School Musical!