21 maggio 2010

 

La scuola come laboratorio di ricerca didattica

di Domenica Di Sorbo

Formare i docenti, sostenere un insegnamento-apprendimento con metodologie innovative, creare laboratori per l’osservazione, la ricerca e l’elaborazione di nuovi percorsi didattici.

Il contributo è stato presentato al convegno del 23 aprile “La scuola nuova nasce dal basso. Esperienze concrete di innovazione educativa”.


DAI CONTRIBUTI SELEZIONATI PER IL CONVEGNO DEL 23 APRILE.

Nello spirito della riforma che punta alla valorizzazione della qualità degli apprendimenti piuttosto che alla quantità delle discipline, l’I.I.S. Telesi@ ha attivato un Laboratorio di Progettazione Didattica (La.Pro.Di.). Si tratta di laboratori che vedono protagonisti docenti e studenti in una logica pedagogica di tipo attivo ed esperienziale volta a favorire modalità interattive tra docenti e studenti, e a dar luogo non a una formazione teorico-astratta, bensì a laboratori di esperienze e strategie formative in cui lo studente diventa protagonista del sapere. Congiuntamente è stato attivato il percorso P.A.Re. in cui sono previsti corsi di Potenziamento, Approfondimento e Recupero, che è parte integrante del progetto e ha ricaduta sugli studenti dell’istituto. Il percorso nasce con lo scopo di:
• elaborare congiuntamente itinerari formativi inerenti alla formazione dei docenti e alla preparazione di tutti gli studenti che ne presentino la necessità;
• porre in essere attività e iniziative per sostenere un insegnamento-apprendimento agevolato per gli studenti con metodologie innovative;
• organizzare con docenti, referenti ed eventuali esperti anche esterni laboratori per l’osservazione, la ricerca e l’elaborazione di percorsi didattici finalizzati alla definizione di efficaci metodologie innovative.



Il La.Pro.Di. ha dato vita alla costituzione di sei gruppi per la formazione sulle didattiche disciplinari e su tematiche trasversali e gestionali. Tali laboratori si sono rivelati, non solo il banco di prova e di validazione delle metodologie didattiche indicate dal P.A.Re, ma anche il possibile luogo dove in un prossimo futuro far svolgere attività di tirocinio da parte di coloro che avendo conseguito la laurea magistrale, ne facciano richiesta.

Ogni La.Pro.Di. ha elaborato un dettagliato piano di azione, di concerto con il gruppo di riferimento e ha, di conseguenza, verificato con lo stesso i risultati della propria azione. Alla data attuale, la verifica è stata attuata attraverso l’attivazione di due momenti uno a ridosso delle festività natalizie (Christmas open Day 2009) e un altro a ridosso dell’inizio della primavera (La giornata Mondiale dell’Acqua).

I due momenti con durata di tre giorni hanno visto l’attivazione di laboratori (che noi abbiamo chiamato “fucine”), attuati nelle aule dell’istituto in cui gli studenti hanno creato ed esposto le attività didattiche sia a compagni di altre classi sia a studenti del territorio. I ragazzi hanno voluto intitolare gli eventi con:
“… un singolare modo di fare scuola! … da veri creatori di innovativi percorsi scolastici, gli studenti diventano guide in un viaggio nel sapere … con e per il territorio”.

Nel primo evento il motivo centrale è stato il viaggio dell’uomo attraverso i saperi, le arti liberali del Quadrivio e del Trivio, le evoluzioni nel tempo e nello spazio. Come primo viaggio è stato proposto quello di Galileo: aritmetica, geometria, astronomia e musica.

Nel secondo evento è stata celebrata la settimana mondiale dell’acqua, con un open space, sempre aperto al territorio, di laboratori di chimica, fisica, scenografia, testi recitati con un’intervista in video-conferenza con Jacopo Fo, per sensibilizzare tutti a difendere e rispettare l’acqua.

Inoltre gli esiti della ricerca-azione-formazione confluiranno nel repository dell’istituto, il T.O.A. - Telesi@ Open Archive, creato per l’archiviazione della produzione scientifica realizzata nell’ambito dei La.Pro.Di.

In realtà, i La.Pro.Di. sono stati avviati per rinnovare la didattica della “nuova” scuola dove il laboratorio deve essere pensato come PALESTRA della MENTE e lo STUDENTE come ATLETA dell’APPRENDIMENTO.

In definitiva, l’azione formativa dell’istituto Telesi@ punta sulla qualità dell’organizzazione della didattica, sull’innovazione dei processi e dei prodotti, sulla ricerca e sull’applicazione delle ICT.

Notizie più approfondite sono reperibili sul sito della scuola:
www.iistelese.it

 In pdf scaricabile il poster presentato a Firenze il 23 aprile nell’ambito del convegno organizzato da Education 2.0 “La scuola nuova nasce dal basso. Esperienze concrete di innovazione educativa”.


English abstract: The reform aims to improve the quality of learning rather than the number of subjects, so the I.I.S. Telesi@ has activated a project named La.Pro.Di (Laboratori di Progettazione Didattica - Laboratories of Didactic Planning). In these laboratories students and teachers are the protagonists in a pedagogical approach based on experience and activities to promote interactive modalities between students and teachers and formative strategies, and to overcome a theoretical abstract education.

General objectives
The learning path P.A.Re. (Potenziamento Approfondimento Recupero) integrates La.Pro.Di, it has got good results on the students, it plans additional classes, empowerment classes and advanced courses in order to:
• elaborate learning paths about training for teachers and courses for students;
• create activities and initiatives to support a facilitate learning-teaching for students with innovative methodologies;
• organize with teachers, referring teachers, and external experts too, laboratories for observation, research, elaboration of didactic paths finalized to the definition of effective innovative methodologies.